Qt è il futuro

Eccoci qua, finalmente ho creato un sito dedicato a Qt 5 Quanto Basta.

Giusto per fare un poco di marketing, vi ricordo che il mio libro (Qt 5 Quanto Basta) è disponibile sia in formato cartaceo che in formato kindle su Amazon.it e su moltissimi altri siti e librerie.

Dopo la prima introduzione doverosa, vorrei iniziare questa avventura con un messaggio chiaro:

Io studio Qt perchè sono convinto che sia il futuro!

Ma cos’è Qt e perché ti potrebbe interessare?

Ma cos’è Qt?

Qt è un framework per lo sviluppo di applicazioni… Un fra… che?

Facciamola semplice! Qt è un pacchetto formato da una libreria software che si chiama Qt appunto, e un applicativo che si chiama Qt Creator con il quale posso fare delle applicazioni.

Perchè è diverso da Visual Studio

Perchè con Visual Studio posso creare solo applicazioni per il sistema operativo Windows, mentre con Qt posso creare applicazioni per:

  • Windows
  • Linux
  • macOS
  • Dispositivi mobili iOS
  • Dispositivi Android
  • Dispositivi Embedded quali pannelli operatore, cruscotti di automobili.

E da Java?

Anche Java è pensato per funzionare su diverse piattaforme, usando un approccio diverso. Con Qt compilo per ogni piattaforma e quindi ho un comportamento identico alle altre applicazioni e prestazioni ottimizzate. Con Java, compilo un meta-linguaggio che poi viene interpretato da una macchina virtuale, e con svariate ottimizzazioni che nel tempo sono state implementate raggiunge prestazioni ragguardevoli, ma tendenzialmente usando molta più memoria e molta più CPU, e lasciando spesso l’impressione di non essere una applicazione nativa.

Si sì, ma non lo usa nessuno…

Appunto, questo è il motivo! È così potente che lo useranno tutti, e noi saremo i primi!

Questo era vero nel 2012, quando ho iniziato. Ormai è molto usato. Ad esempio quasi tutti i nuovi cruscotti sono fatti in Qt, a partire da quello di Tesla. O per esempio tutte le auto tedesche usano Qt.

Molti progetti open source usano Qt, come per esempio Video Lan, OBS, GNU Octave, KDE. Valutate voi stessi…

Ci sono anche software commerciali che usano Qt, come per esempio Autodesk Maya

E ci sono sistemi embedded! Un caso esemplare era Tom Tom, ma ormai credo di essere tra i pochi a sapere cosa è. Il decoder di Sky usa Qt.

Quali sono i vantaggi?

Il primo è che per impararlo non devo fare grossi investimenti, se non il tempo necessario a studiarlo. Infatti è disponibile una versione open source che è perfetta per imparare. Certo da qualche anno anche Visual Studio è disponibile come Community Edition, ma non è sempre stato così, e non è detto che lo sarà al prossimo cambio di amministratore delegato.

Il secondo, è che se sviluppo un progetto oggi, posso star sicuro che qualsiasi piattaforma la gente userà tra 10 anni (o anche 20), Qt potrà essere compilato per quella piattaforma, sia essa derivata da Linux, Apple, Microsoft o Android. Conoscete altre piattaforme? Bene state certi che quelli di Qt ci stanno già lavorando.

Concludendo

Fatevi un giro su www.qt.io per farvi una idea di che cosa sia Qt, scaricate il l’anteprima del mio libro da Amazon ed approfittate della calura per chiudervi in casa, condizionatore acceso, birra e… Qt.

Alla prossima settimana!

Autore: Gianbattista

Appassionato di tecnologia, sono l'autore di Qt5 Quanto Basta. Per lavoro mi occupo di elaborazione delle immagini per applicazioni industriali, ma nel tempo libero adoro creare applicazioni con Qt (www.qt.io)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *